Un weekend in relax vicino Roma? Non c’è nulla di meglio del B&B 3 Cannelle nel cuore dell’Abruzzo.

Abruzzo

Sono in vacanza qualche giorno a Sante Marie, come ogni anno. Qui, in provincia dell’Aquila, tra le montagne abruzzesi, ho passato la mia infanzia. Verde, aria pulita, lunghe passeggiate, famiglia, amici e cordialità. Cosa volere di più? Un Bed & Breakfast può essere un’idea. A realizzarla sono Rita e Claudia che, con tenacia e determinazione, mettono in piedi il 3 Cannelle B&B in via Roma, 24. A soli 90 chilometri dalla vicina Capitale, Sante Marie è meta di turisti, curiosi, amanti del trekking e del cibo. Già noto per i suoi vasti castagneti, questo borgo a 860 metri s.l.m. è gettonato dagli sportivi che percorrono il Cammino dei Briganti, dai motociclisti che si divertono tra le curve dei dintorni e dalle buone forchette che alla Sagra della Castagna in autunno trovano pane per i propri denti.

Il B&B 3 Cannelle

Situato nella parte bassa del paese, il B&B 3 Cannelle è davvero una perla. Lo scopro oggi, a distanza di anni dalla sua apertura. Capito qui per caso, mio padre conosce i gestori e decidiamo di dare uno sguardo. Entriamo nella palazzina e già la prima impressione è ottima. Tutto ristrutturato, curato in ogni dettaglio e, soprattutto, pulito. Vediamo l’area comune con la cucina, la prima stanza molto bella, la seconda bellissima, la terza anche. Ma è l’ultima a lasciarci senza fiato. Una camera che sembra un appartamento, dotata di sauna a infrarossi, doccia a cascata, vasca idromassaggio e cromoterapia. A completare l’opera un balcone con una vista mozzafiato sul verde. «Questa – ci racconta Claudia – è la più richiesta di tutte, soprattutto dai camminatori che, dopo aver faticato lungo i sentieri, non vedono l’ora di concedersi qualche ora di puro relax».

Il Cammino dei Briganti

Da un’idea di Luca Gianotti, scrittore, esperto di cammini e guida professionista, nasce il Cammino dei Briganti. Partendo proprio da Sante Marie, questo sentiero attraversa la Val de Varri, la Valle del Salto e le pendici del Monte Velino per poi concludersi ancora a Sante Marie. Boschi, natura selvaggia e borghi medievali. Qui si snoda il cammino ad anello suddiviso in 7 tappe e percorribile in 7 giorni, per un totale di 100 chilometri. «Camminando – scrive Gianotti – ho imparato cose che i nostri libri di Storia non raccontano. Come la verità di ciò che successe con l’unificazione dell’Italia, cioè con la discesa a Sud dell’esercito piemontese. Ho scoperto che i Borboni non erano così odiati dal loro popolo e che i Sabaudi furono subito un esercito di invasori violenti e prepotenti. E che i briganti molto spesso erano uomini e donne (briganti e brigantesse) che non accettavano questo nuovo invasore, e quindi si davano alla macchia, entravano in clandestinità, diventavano in qualche modo partigiani. La Storia come la si legge sui libri è sempre quella scritta dai vincitori, si sa. Camminando si possono invece imparare le contro-verità, e qui, lungo il Cammino dei Briganti, di storie ce ne sono tante. Belle e brutte».

Al ritorno da questo magico itinerario, il consiglio è di concedervi un paio di giorni di relax nel rigenerante B&B 3 Cannelle e visitare anche il Museo del Brigantaggio di Palazzo Colelli a Sante Marie per completare a tutti gli effetti la vostra esperienza. E se avete voglia di mettere qualcosa sotto i denti La Locanda di Renzo vi accoglierà a braccia aperte. In alternativa i due bar sulla piazza e gli alimentari lungo le strade del Paese vi potranno togliere qualunque sfizio.

La Sagra della Castagna

Se il Cammino e il Borgo antico vi sono piaciuti, non potete certo perdervi l’evento dell’anno. Quella del 2019 sarà la 47esima edizione della Sagra della Castagna di Sante Marie. Nota in tutto il Centro Italia, questa festa si svolge in autunno a ridosso del weekend di Ognissanti. Il Paese si trasforma: luci, banchetti di legno, cibo, danze, musica e intrattenimento. Gente dappertutto, file per gustare polenta con salsicce, quagliategli, gnocchi della parrocchia, arrosticini, scamorza, polpette cacio e ‘ova. B&B pieno. Produttori locali di olio, vino, miele dislocati per il Borgo. Bambini, allegria, eventi, giochi e danze ovunque. Provare per credere? L’appuntamento è per il weekend tra fine ottobre e inizio novembre. Vi aspettiamo!

____________________________

Testo e foto: Giulia Di Giovanni

Se l’articolo ti è piaciuto, ricordati di mettere un LIKE qui sotto o lascia un commento: per me rappresenta un feedback di apprezzamento molto importante! Vuoi essere sempre aggiornato sulle ultime news pubblicate? Seguimi sulla pagina Facebook @blogmessaafuoco e sulla pagina Twitter @InfoMessaafuoco

Grazie!

____________________________

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.